Microsoft OneDrive per Windows 7 e 8.1 non riceveranno più aggiornamenti

OneDrive Windows 7 e 8.1
OneDrive Windows 7 e 8.1

Al fine di concentrare le risorse su nuove tecnologie e sistemi operativi e per fornire agli utenti l’esperienza più aggiornata e sicura, a partire dal 1° gennaio 2022, non verranno più forniti aggiornamenti per l’applicazione desktop OneDrive su Windows 7, 8 e 8.1.

Le applicazioni desktop OneDrive in esecuzione su Windows 7, 8 e 8.1 inoltre non saranno più sincronizzate con il cloud dal 1° marzo 2022.

Da quel momento, Microsoft ha previsto un’opzione per l’aggiornamento dei dati su hardware meno recenti. Tuttavia, è molto laboriosa e comporta il caricamento manuale su OneDrive sul Web.

“Per i computer che non soddisfano i requisiti di sistema per l’aggiornamento del sistema operativo Windows 10 o Windows 11, è possibile eseguire il backup e proteggere i file caricandoli manualmente su OneDrive sul Web e continuare ad accedere, modificare e condividere i file su tutti i tuoi dispositivi”, afferma Microsoft.  

Se utilizzi l’applicazione desktop OneDrive per le aziende, a partire dal 1° gennaio 2022, il supporto per questa applicazione sarà allineato con il ciclo di vita del supporto di Windows.

Scopri se il tuo pc soddisfa i requisiti

Se stai attualmente utilizzando uno di questi sistemi operativi in via di scadenza, ti consigliamo di aggiornarli a Windows 10 o Windows 11 per mantenere la tua operatività.

Tuttavia, Microsoft ha stabilito requisiti hardware minimi per l’adozione di Windows 11.

Le specifiche includono un processore da 1 gigahertz (GHz) a 64 bit con almeno due Core, 4 GB di RAM e 64 GB di spazio su disco (meglio se SSD). Altri dettagli più tecnici comprendono ad esempio la necessità di avere un computer con UEFI (abilitato al Secure Boot) e TPM 2.0 abilitato.

La scheda video deve essere compatibile con DirectX 12 o successive e deve pilotare un display che sia almeno HD (720p, 1280×720 pixel) con almeno 9”.

Vi consigliamo, dunque, di valutare un passaggio progressivo e assistito da personale tecnico e specializzato.

Windows 10 continuerà ad essere supportato senza problemi sino al 2025, per cui tutti gli utenti che non possono aggiornare sono comunque protetti.

Vuoi effettuare l’upgrade dei tuoi pc aziendali a Windows 11? Assitech.Net è a disposizione per programmare con voi l’aggiornamento.

Windows 7: dal 14 gennaio aumenta il rischio hacker

windows 7
windows 7

Microsoft si prepara a interrompere il supporto al sistema operativo, che rimarrà però installato nel 26% dei pc mondiali. Questo li renderà maggiormente vulnerabili ai virus. Gli esperti: “Subito upgrade e patch”

Windows 7, sistema operativo nato nel 2009, ha le ore contate: dal 14 Gennaio non si aggiornerà più. Un evento che potrebbe costar caro alle aziende, rendendole più vulnerabili agli attacchi di virus, in particolare WannaCry, ransomware che nell’ultimo trimestre del 2019 ha colpito più di 230.000 pc Windows in tutto il mondo. Questi attacchi hanno provocato la perdita di milioni di dollari, a causa della perdita di produttività, perdita di dati e hardware danneggiati.

Cybersecurity, i 5 passi da fare

Secondo Veritas Technology sono 5 gli step che le aziende dovrebbero seguire per limitare i danni in caso di prosecuzione di Windows 7 oltre i limiti:

Educare i dipendenti. Il rischio maggiore è rappresentato dai dati salvati in luoghi non protetti. È bene assicurarsi che gli utenti seguano le best practice riguardo il luogo in cui salvare i dati in modo che possano essere al sicuro; sarebbe opportuno anche eseguire delle simulazioni. Salvare dati preziosi su server centralizzati, data center o su cloud può aiutare a ridurre i rischi.

Valutare i rischi. Imparando a conoscere i propri dati: per le aziende, le soluzioni di software di insight possono aiutare a identificare dove si trovino i dati importanti e garantire che siano conformi alle policy aziendali e alle normative del settore.

Considerare un upgrade dei software. Questa non sarà una soluzione pratica per le grandi aziende nel poco tempo a disposizione – dice Veritas -, ma potrebbe essere parte di una strategia a più lungo termine. Per le Pmi, la soluzione migliore potrebbe essere semplicemente quella di fare l’upgrade dei sistemi operativi, adottandone uno che sia ancora supportato.

Installare le patch finché si può. Stando ai dati del Ponemon Insititute, il 60% di coloro che hanno subito una violazione dei dati, è stata vittima nonostante le patch per evitare queste violazioni fossero disponibili. Le aziende dovrebbero almeno assicurarsi di essere il più aggiornate possibile, finché possono. Gli utenti potranno anche acquistare aggiornamenti “ESU” da Microsoft in modo da poter accedere alle patch anche durante il periodo di migrazione verso un nuovo software.

Assicurarsi di aver eseguito il backup dei dati. Gli attacchi ransomware si basano sull’idea che pagare il riscatto sia il più economico se non l’unico metodo per ottenere nuovamente l’accesso ai propri dati, ma le ricerche mostrano come meno della metà di coloro che pagano siano effettivamente in grado di recuperare i propri file dai cyber criminali. Veritas raccomanda di applicare la “regola del 3-2-1“, secondo la quale è bene che chi possiede dei dati importanti ne abbia tre copie, due delle quali salvate su due dispositivi di diversa tipologia e una custodita in “air gap” in un altro luogo.

Aggiorna i tuoi sistemi, scrivici a info@assitech.net

Windows, addio all’Antivirus gratis da Gennaio 2020

antivirus

Con la fine del supporto da parte di Microsoft di Windows 7, anche l’antivirus gratuito non verrà più aggiornato: cosa fare

Il 14 gennaio 2020 è la data scelta da Microsoft che decreterà la fine del supporto ufficiale al sistema operativo Windows 7, nato nel 2009, e la fine dell’antivirus gratuito.

Con Windows 7, infatti, Microsoft lanciò anche il software “Microsoft Security Essentials” (MSE): una suite di sicurezza molto basic, che infatti era affiancata da Windows Defender. Prima i due strumenti (l’antivirus e l’anti-spyware) erano separati e lavoravano insieme per garantire la sicurezza minima ed essenziale. Solo con Windows 8.1, infatti, MSE è stato integrato in Defender ed è oggi uno strumento unico. Ora, con la fine del supporto a Windows 7, finiscono anche gli update di sicurezza e, purtroppo, anche quelli di Microsoft Security Essential. Secondo quanto affermato dalla stessa Microsoft, infatti, MSE seguirà lo stesso ciclo di vita di Win 7.

Stop a MSE, ma non a Defender

In un articolo del suo supporto online Microsoft, rispondendo a una domanda specifica in merito, afferma chiaramente: “Il tuo computer con Windows 7 non sarà più protetto da MSE dopo il 14 gennaio 2020. MSE è una soluzione solo per Windows 7 e segue le stesse date per la fine del supporto“. Chiaramente, quindi, gli utenti di Windows 7 si troveranno da metà gennaio in poi con una protezione dai malware “dimezzata“. Per non parlare del fatto che non riceveranno più patch di sicurezza per tappare eventuali falle del sistema operativo scoperte dopo il 14 gennaio.

Windows 7: basterà cambiare antivirus?

In molti, a questo punto, penseranno che basterà cambiare antivirus e sceglierne uno dei tanti sul mercato per risolvere questo problema. In realtà l’antivirus commerciale potrà proteggere dai tanti malware grazie al fatto che avrà definizioni dei virus aggiornate ancora per diverso tempo, ma non potrà tappare le falle alla sicurezza di Windows 7. Un compito che, naturalmente, solo Microsoft potrebbe portare a termine. Per gli utenti di Windows 7, quindi, è veramente ora di cambiare sistema operativo con uno più recente, come Windows 10.

Aggiorna i tuoi sistemi, scrivici a info@assitech.net