Cybersecurity, le minacce da cui difendersi nel 2023

cybersecurity 2023

Il 2022 è stato un anno ricco di eventi: il 2023 introdurrà però nuove minacce e sfide alla cybersecurity, insieme ad alcune nuove opportunità.

Ecco alcune previsioni sulla sicurezza informatica per il prossimo anno, secondo CyberArk.

Cybersecurity, le previsioni per il 2023

1. Web 3.0 sulla Blockchain promette una privacy maggiore e pagamenti più consistenti

Oggi, più di quattro consumatori su 10 pensano di aver protetto adeguatamente i propri dati personali, attraverso dei provvedimenti specifici. Questa spinta diffusa per una maggiore trasparenza dei dati diventerà più forte nel 2023, accelerando lo slancio globale per il Web 3.0 sulla blockchain.

Ma man mano che l’infrastruttura tecnologica diventa sempre più decentralizzata, la superficie di attacco sulle applicazioni finanziarie si espanderà in modo significativo, mentre le pratiche di sicurezza in questa nuova frontiera saranno ancora troppo obsolete. I cybercriminali useranno questo a loro vantaggio per prendere di mira gli scambi di criptovalute, traendo ispirazione dal furto a Ronin da 615 milioni di dollari del 2022.

2. Crisi geopolitica, insieme a un aumento degli attacchi alle infrastrutture critiche

Il perdurare del conflitto in Ucraina fa sì che alcuni gruppi criminali intensificheranno gli attacchi motivati ​​finanziariamente e – facendo affidamento sulla promessa di massicci pagamenti – sposteranno lo sguardo verso l’infrastruttura decentralizzata.

Nel frattempo, l’arrivo dell’inverno porterà ad un aumento degli attacchi alle infrastrutture critiche, facendo salire ancora di più i prezzi dell’energia a livello globale.

3. Riutilizzo di tipologie d’attacco già consolidate

La maggior parte dei criminali online utilizzerà modi alternativi per infiltrarsi nelle organizzazioni e raggiungere i propri obiettivi. Tuttavia, perché creare exploit specializzati o escogitare nuovi metodi quando phishing, furto di credenziali e ingegneria sociale funzionano già così bene?

4. Particolare attenzione ai cookies

La maggior parte delle organizzazioni utilizza già l’autenticazione a più fattori (2FA), inserendo sia una combinazione di nome utente e password, sia confermando una richiesta di autenticazione secondaria prima di stabilire una sessione web. Tuttavia, le tattiche dei cybercriminali stanno diventando sempre più sofisticate. Sfruttano infatti i cookie di sessione, che stabiliscono l’accesso a queste applicazioni di terze parti, per aggirare sia l’autenticazione primaria che la 2FA, dirottando gli account.

Man mano che le aziende utilizzeranno più applicazioni SaaS nel browser, i cookie di sessione diventeranno ancora più critici e più vulnerabile. Per questo nel 2023 verranno implementati nuovi modi per automatizzare e ridimensionare ulteriormente questi attacchi di dirottamento di sessione, così da aumentarne la redditività.

5. Maggiore mercificazione delle credenziali

Gli aspiranti criminali che non possiedono le competenze (o il tempo), potranno facilmente acquistare gli elenchi di credenziali e cookie rubati o ransomware standard, kit di phishing e exploit, senza che sia necessario alcun lavoro di attacco.

Per questo sarà necessario affidarsi a team di sicurezza qualificati, che adotteranno un approccio di difesa più profondo.

Hai bisogno di un aiuto professionale per aumentare la sicurezza informatica nella tua azienda? Contatta Assitech.Net, i tuoi sistemi non saranno più un problema.

Office cambia nome dopo oltre 30 anni: arriva Microsoft 365

office microsoft 365

Dopo trent’anni di vita Microsoft ha deciso di cambiare il nome a Office, che diventa Microsoft 365.

Gli utenti, almeno per ora, potranno continuare ad acquistare le licenze per l’installazione sui singoli dispositivi.

Dopo oltre 30 anni scompare il marchio Microsoft Office: nei prossimi mesi tutti gli applicativi per sistemi desktop e dispositivi mobili, oltre a Office.com, diventeranno infatti Microsoft 365.

La suite si presenterà con una nuova icona, un design innovativo e diverse funzionalità inedite.

Le prime modifiche appariranno su Office.com a novembre: a queste seguiranno gli aggiornamenti su Office per Windows, Android e iOS, previsti a gennaio 2023.

Addio Office: arriva Microsoft 365

Il marchio MS Office però non scomparirà all’istante: Microsoft prevede la vendita di licenze “stand alone”, legate alle singole macchine, di Office 2021 e Office LTSC. Il supporto per Office 365 durerà comunque almeno fino a metà ottobre 2026: oltre questa data Microsoft non rilascerà più aggiornamenti di sicurezza.

Per il momento gli utenti potranno quindi continuare ad acquistare licenze perpetue che non prevedono la stipula di alcun abbonamento annuale o mensile, come nel caso di Microsoft 365.

Questo perché Office è ormai considerato un prodotto legacy: nel caso in cui vengano introdotte nuove funzionalità, queste saranno inserite esclusivamente in Microsoft 365.

Le novità di Microsoft 365

L’app più importante della suite Microsoft 365, con oltre 270 milioni di utenti attivi al mese, è Teams. La nuova versione Premium include delle funzionalità inedite che sfruttano l’intelligenza artificiale, come la traduzione immediata dei sottotitoli. Intelligent recap è un assistente virtuale che crea attività, genera automaticamente capitoli per le riunioni e una registrazione dei meeting attraverso gli highlights.

Altre interessanti funzionalità di Teams Premium sono le guide, che permettono di selezionare le corrette impostazioni per un meeting, gli appuntamenti virtuali e i webinar in alta qualità. Microsoft ha infine aggiunto la protezione tramite watermark, in modo da per evitare la diffusione di informazioni riservate.

Per implementare la gestione del lavoro ibrido è stata di recente introdotta Microsoft Places. Le aziende possono dunque organizzare il lavoro tra i dipendenti in ufficio o a casa, indicare come verranno utilizzati gli spazi e pianificare di conseguenza i meeting con Teams Rooms.

Contatta Assitech.Net e acquista la licenza del piano Microsoft 365 più adatto alle tue esigenze. Un pacchetto ricco di interessanti funzionalità, che puoi utilizzare da subito per aumentare la produttività della tua azienda.

Windows 11: ecco quali sono i processori supportati

windows 11 processori supportati

Con il lancio dell’ultimo update del sistema operativo Windows 11 22H2, Microsoft pubblica un elenco aggiornato dei processori Intel e AMD supportati.

Con l’aggiornamento di Windows 11 22H2, Microsoft ha diffuso anche la lista dei processori supportati dal suo più recente sistema operativo. Questo update, effettuato in sordina, ha previsto l’aggiunta di tre pagine con processori Intel, AMD e ai SoC Qualcomm basati sulla piattaforma ARM nei Requisiti di processore relativi a Windows 11.

Le novità aggiunte da Windows

Chi si aspettava l’inserimento di processori più vecchi, antecedenti agli Intel Kaby Lake (di ottava generazione) e alle CPU AMD Ryzen 2000 rimarrà purtroppo deluso.

Windows 11 22H2, che rappresenta una vera e propria nuova versione del sistema operativo scaricabile anche in formato ISO, introduce il supporto per i nuovi Ryzen 7000 di AMD e i processori Intel Raptor Lake-S di tredicesima generazione.

Nell’elenco condiviso da Microsoft sono presenti anche diversi modelli di processori Intel Celeron, Pentium Gold (o Intel Processor) e Xeon, AMD Athlon 7100 e 7200, i Ryzen Threadripper PRO 5900WX.

Per conoscere l’elenco completo dei chip aggiunti all’elenco delle CPU supportate in Windows 11 consultate questa pagina dedicata.

Requisiti hardware necessari per Windows 11

Windows 11 ha delle nuove specifiche minime, variate rispetto a quelle richieste da Windows 10. Se il pc in vostro possesso esegue già Windows 10, è possibile controllare la compatibilità con Windows 11 attraverso la nuova app Controllo integrità del PC.

Di seguito l’elenco delle specifiche tecniche minime richieste per poter eseguire Windows 11:

  • Processore: Almeno 1 GHz con 2 o più core su un processore a 64 bit compatibile o SoC
  • RAM: almeno 4 GB
  • Spazio di archiviazione: Disco da minimo 64 GB
  • Firmware del sistema: Compatibile con interfaccia UEFI, Avvio protetto
  • TPM: Trusted Platform Module 2.0
  • Scheda video: Compatibile con DirectX 12+ o versione successiva con driver WDDM 2.0
  • Schermo: Ad definizione (720p) con una diagonale maggiore di 9 pollici, 8 bit per canale di colore
  • Connessione Internet e MS Account: al primo utilizzo Windows 11 Home richiede una connessione Internet e un account Microsoft per completare la configurazione del dispositivo

L’accesso a Internet è necessario per tutte le edizioni di Windows 11, per il download e l’esecuzione degli aggiornamenti, oltre che per l’utilizzo di alcune funzionalità.

Vuoi effettuare l’upgrade dei tuoi pc aziendali a Windows 11? Assitech.Net è a disposizione per programmare con voi l’aggiornamento.